Giovanni Raboni

“Mai avuto, io, il doppio dei tuoi anni:

Ma cosa dico? certo che li ho avuti,

solo che tu non c’eri, eri, vediamo,

a Padova, o forse a Venezia, intenta

a qualche tua storia d’irresistibile

ventiduenne – e in fondo cosa importa

in base a quale calcolo o magia

la ragazza che eri è diventata

l’incresciosamente giovane donna

che sarai finché vivo e io per non perderti

un malato che da vent’anni s’ingegna

di non morire? Non lasciarmi né ora

né prima, mi sembra a volte di dire

non so con che cuore, e a chi delle due.”

 

Annunci

Un pensiero su “Giovanni Raboni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...